I Partiti Pirata alla conquista del Parlamento europeo

Galvanizzati dagli ultimi poll tedeschi, che hanno elevato la locale propaggine a terza forza del paese, i partiti pirata affilano le armi per un debutto europeo in grande stile.

La convention internazionale dei “bucanieri della rete”, tenutasi ieri a Praga, da il via libera alla costituzione di un’unica formazione europea in vista delle prossime elezioni per Strasburgo. L’accordo prevede una piattaforma programmatica unitaria e, in caso di successo, la costituzione di un gruppo politico in seno all’assemblea. In cima alla agenda politica, spiccherebbe l’opposizione all’ACTA (Anti-Counterfeiting Trade Agreement), l’accordo commerciale plurilaterale volto a dettare norme più efficaci per contrastare la contraffazione e la pirateria informatica, e nel quale molti vedono una pericolosa restrizione delle libertà sulla rete.

Nata nel 2006, l’internazionale Pirata punta insomma alla creazione di un vero e proprio partito transnazionale, alla maniera delle principali famiglie politiche europee. Dopo i primi successi elettorali in Svezia, dove è nata la prima forza del genere, l’ondata pirata si è diffusa su tutto il Vecchio Continente. In Germania sta conoscendo un eccezionale successo e non è da escludere che anche in altri paesi cominci presto a intercettare il malcontento e la disaffezione politica, in special modo tra i giovani. Resta da capire, se il partito sarà capace di andare oltre l’orizzonte del “one-issue”…



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...